#100cosedafareprimadimorire: Nuotare con le tartarughe a Zamami

Okinawa è un vero Paradiso.
Da anni non facevo una vacanza nel senso stretto della parola...i miei ultimi viaggi son sempre stati tour-de-force che lasciavano ben poco spazio al relax. Così quest'anno, ci siamo voluti concedere un po' di riposo e dopo aver girato in lungo e in largo l'Isola principale di Okinawa, sulle tracce della Seconda Guerra Mondiale e la terribile Battaglia di Okinawa, abbiamo optato per trascorrere qualche giorno a Zamami, nelle isole Kerama e realizzare una delle #100cosedafareprimadimorire alle quali tenevo di più: nuotare con le tartarughe marine.

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama


Le Isole Kerama erano già nell'elenco delle cose da visitare in questo viaggio, essendo raggiungibili comodamente con il traghetto da Naha, senza la necessità di prendere l'aereo, come invece accade per visitare le isole Hishigaki e Miyakojima (che abbiamo rimandato ad un prossimo viaggio), ma la scelta di fare base a Zamami è stata dettata in buona parte per la presenza delle tartarughe.
Zamami è un'isola con un perimetro di soli 24km, per la maggior parte disabitata e ricoperta dalla giungla tropicale. Un'isola dai ritmi lenti, che si svuota dopo l'ultimo traghetto del tardo pomeriggio.
A Zamami si conoscono tutti, e capita che in un giorno di festa tutti si raccolgano al porto, per assistere ad una specie di regata in abiti tradizionali, e la sera cenino tutti insieme al tempio shinotista, con un cartello che limita l'accesso ai soli residenti. Zamami è così, un'isoletta che accoglie il viaggiatore di passaggio, ma che mantiene intatte le sue tradizioni, una comunità forte e fiera della sua storia di porto tranquillo, tappa fondamentale per le antiche navi dei mercanti cinesi nei giorni di tempesta.

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama
L'Aka Bridge che collega l'isola di Aka a Geruma
  Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Isole Kerama, il mare più bello di Okinawa

Le isole Kerama sono un complesso di isole raggiungibili in un almeno un'ora di traghetto da Okinawa.
Spiagge bianche, acqua cristallina e una vastissima quantità di pesci e coralli, fanno di queste isole un vero Paradiso per gli amanti delle immersioni e dello snorkeling, ma sono anche una meta perfetta per chi cerca una natura incontaminata dove trascorrere giorni di relax nuotando in un mare splendido e osservando miriadi di stelle nel limpido cielo notturno lontano dall'inquinamento luminoso delle città della costa di Okinawa.

L'isola abitata più grande delle Kerama è Zamami, famosa anche per la presenza delle tartarughe marine che popolano il tratto di mare di Ama Beach, ed è spesso meta per le gite in giornata da Naha, la capitale di Okinawa.
Il paese di Zamami è un piccolo centro vicino al porto principale, dove una stretta via è la strada principale del paese che va dal porto alla scuola, passando per il Municipio e i due piccoli supermercati. Una via laterale porta alla Posta e al Medico ed è lungo queste due strade che si affacciano quasi tutte le guest-house ed i ristoranti.
Piccole stradine portano alle abitazioni e ai diving center, per poi dissolversi nella fitta foresta tropicale che avvolge l'isola....due strade più larghe escono dal paese, una che si inerpica sulla collina, per raggiungere punti d'osservazione magnifici, uno dei quali particolarmente apprezzato in inverno per l'osservazione delle colonie di megattere che transitano nella baia nord di Zamami, l'altra che costeggia il mare verso le due spiagge, Ama Beach e Furanzami Beach, ed è la strada più frequentata dell'isola, sulla quale di giorno transitano le poche decine di persone, le biciclette noleggiate e le rare macchine degli abitanti che si spostano per svolgere le loro mansioni quotidiane.
Di fronte all'isola di Zamami ci sono 3 isole disabitate, Gahi Island, Agenashiku Island e Amuro Island, le cui acque sono ricche di peschi (specialmente le prime due) e sono raggiungibili esclusivamente con tour in barca.
Quest'area fa parte del Keramashoto National Park insieme alle vicine Aka e Geruma, raggiungibili in 10 minuti di traghetto. Purtroppo però, avendo dovuto lasciare Zamami in anticipo per l'arrivo del tifone, non siamo riusciti a visitare queste due splendide isole, abitate anche da cervi selvatici che si possono incontrare facilmente.

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama
Gli Shisa, i protettori delle Isole Ryukyu
  
Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Nuotare con le tartarughe marine a Zamami

Zamami ha due spiagge, Ama Beach e Furuzamami Beach (in realtà ce n'è una terza, proprio alla fine della strada che porta alla punta orientale dell'isola, ma è una spiaggia non segnalata sulle mappe turistiche).
Furunzamami Beach è una spiaggia bellissima, con due stelle della Michelin Green Guide Japan, attrezzata con ombrelloni e sdraio e diversi piccoli ristorantini. Ci siamo passati solamente di sfuggita purtroppo, anche qua il tifone e un improvviso acquazzone pomeridiano hanno sconvolto i nostri piani, riducendo praticamente della metà i nostri giorni sull'isola.
Tuttavia non mi lamento, Ama Beach è una meraviglia ed è l'unica spiaggia dell'isola dove si riesce a nuotare con le tartarughe marine.
Nuotare con le tartarughe era una delle mie #100cosedafareprimadimorire, un sogno che avevo da tanto tempo e poterlo realizzare così, con naturalezza, nel loro ambiente naturale è stata una vera e propria emozione.
Tu sei lì che nuoti con la tua maschera e boccaglio, osservando la miriade di pesci che ti nuotano attorno, alcuni addirittura ti seguono proprio in banco - mettendo pure una certa ansia a dire il vero - e se tendi la mano si avvicinano a mordicchiare le dita (e un ardito pesciolino pure la mia chiappa -.-"), e ad un certo punto la vedi lì, che bruca le alghe sul fondo marino.

Placida, silenziosa, lenta. Scivola in avanti, senza preoccuparsi di essere osservata, fino a quando inizia a nuotare, graziosa, verso la superficie. Le zampe si muovono in una danza ipnotica, a volte compie dei giri, si avvicina, svolta, si allontana e poi su, un respiro profondo, per prendere aria. Una, due, tre volte...ogni tartaruga sceglie il suo respiro.

E tu se lì, incantato ad osservare questa magia.

Poi, sempre fluttuando leggera nell'acqua, torna giù, e riprende il suo spuntino.
Le più piccole sono un po' timide, si lasciano osservare da pochi intimi, a debita distanza, allontanandosi quando necessitano di respirare.
Le più grandi invece sono più audaci, lasciano che gli ci si avvicini, senza fare movimenti bruschi stando attenti a non sollevare la sabbia, ti seguono curiose con lo sguardo, a volte si avvicinano spontaneamente, o forse semplicemente vogliono andare in quella direzione e se ne infischiano del fatto che ci sia tu di mezzo!
Dopo un po' che si osserva una tartaruga si entra quasi in sintonia, la tartaruga si abitua all'osservatore..tanto da praticamente nuotarmi quasi in braccio mentre stavo ripulendo la mia maschera...o un'altra che dopo aver allungato la mano verso di lei si avvicina al mio dito e e prova a mangiarlo, ricordandomi la mia tartaruga di terra, Ruga, che continua a scambiare le mie dita per delle succose fettine di mela!

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama


Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama
 
Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Nuotare con le tartarughe, informazioni utili

● E' possibile vedere le tartarughe marine ad Ama Beach con l'alta marea. Generalmente in tutte le guest-house ed in tutti i ristoranti sono indicati giorno per giorno gli orari dell'alta marea, quindi non sbaglierete! Noi siamo stati molto fortunati, l'alta marea era intorno alle 6.30/7.00 quindi c'era pochissima gente in spiaggia, dato che i traghetti dall'isola principale non arrivano prima delle 10.00.
Le tartarughe arrivano sì con l'alta marea ma poi restano almeno un paio d'ore, addirittura l'ultimo giorno, alle 10.30 ce n'erano ancora diverse che nuotavano vicino a riva, ma probabilmente stavano nell'acqua più bassa anche perchè il mare iniziava ad agitarsi per l'imminente arrivo del tifone.

● Non spaventate le tartarughe. Prestate sempre attenzione ai movimenti, non fate gesti bruschi che le possano spaventare e non avvicinatevi troppo, ma lasciate che si abituino alla vostra presenza e si avvicinino loro per prime. Soprattutto se ci sono molte persone vicino ad una sola tartaruga.
In particolar modo, quando salgono in superficie per respirare, allontanatevi leggermente, si sentono più vulnerabili con la testa fuori dall'acqua e se sarete troppo vicini, tenderanno a nuotare più lontano da voi per emergere in superficie.
Non inseguitele quando si allontanano verso il mare aperto, non solo perchè oltrepassare le boe può essere pericoloso (sia per eventuali correnti, ma soprattutto perchè ci passano le imbarcazioni), ma anche perchè probabilmente le tartarughe vorranno tornare a nuotare in santa pace nell'ampio oceano...

Non agitate l'acqua e non smuovete la sabbia del fondale contro lo tartarughe, le infastidirete molto e potrebbero scappare e non voler più tornare in questa spiaggia. Probabilmente indosserete le pinne, quindi state molto attenti a quando "pinnate" per rimanere in posizione eretta, l'acqua è bassa, un movimento veloce delle gambe smuove molto l'ambiente!

● Il fondale è pieno di coralli, state attenti a non toccarli, urtarli o appoggiarvi i piedi sopra! Sono esseri viventi e rischiate di ucciderli. Per questo è consigliato indossare un giubbetto di salvataggio, soprattutto se non siete gran nuotatori allenati a stare a galla a lungo. 
In ogni caso state sempre attenti a non urtare i coralli nemmeno con le pinne e se avete necessità di toccare con i piedi accertatevi di trovare uno spiazzo sabbioso.

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama
Le tartarughe nuotano verso i visitatori una volta a loro agio!

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

Zamami, tartarughe marine, nuotare con le tartarughe, okinawa, mare zamami, isole kerama

E per finire vi lascio un breve video...non è estremamente rilassante osservarle nuotare?!




16 commenti

  1. Oddio che sogno! Prima o poi voglio fare anche io quest'esperienza. Ah e complimenti per gli ottimi consigli, anche per quanto riguarda l'attenzione nei confronti dei coralli! Brava, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 Francesca, l'esperienza è così magica proprio grazie all'attenzione che occorre prestare all'ambiente circostante...una volta che possiamo fare qualcosa a contatto diretto con la natura è importante che tutti stiamo attenti a rispettarla :D
      Ti auguro di aver presto occasione di vivere tu stessa questa esperienza incredibile, un abbraccio a te

      Elimina
  2. E' un sogno, veramente <3 mi piacerebbe vivere un'esperienza simile insieme a mia sorella, che è una grande appassionata di snorkeling e tartarughe (quest'estate ha fatto da volontaria in un centro di recupero delle caretta caretta). Sì, sarebbe davvero stupendo :)

    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima anche l'esperienza di tua sorella! Sì, nuotare con le tartarughe è davvero un'esperienza indimenticabile!

      Elimina
  3. Aspettavo queso articolo da dopo quelle foto su tw...e che dire un sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh e pensa che comunque le foto non riescono a rendere al 100% la sensazione...magia pura!

      Elimina
  4. Hai ragione, è davvero ipnotico osservare le tartarughe nuotare :)
    Che mare, che colori e che esperienza da sogno! Direi che rientra a pieno titolo anche nelle mie #100cosedafareprimadimorire!
    E' sempre un'emozione unica entrare così in contatto con la natura :)

    Bravi!

    Baci!
    Deia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, oltre alle tartarughe infatti è tutto il contesto ad essere una meraviglia!!! Un abbraccio :)

      Elimina
  5. Un sogno, l'isola e l'esperienza con le tartarughe. Non ho mai pensato al Giappone come una meta per il mare, le spiagge e il relax...e mi sa che ho toppato alla grande 😂 Mi hai incuriosita molto con questo articolo. Grazie per avermi taggata, così non me lo sono perso. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, Okinawa è un "Giappone molto particolare", ma può essere una bella estensione mare dopo un tour del Giappone classico ;)

      Elimina
  6. Che meraviglia, non conoscevo questi lati "paradisiaci" del Giappone, sono sicura che nuotare con le tartarughe sia un'esperienza indimenticabile, la aggiungo alla mia bucket list ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente un'esperienza magnifica <3

      Elimina
  7. Okinawa è nei miei sogni (che foto!! ho gli occhi a cuoricino) ma posso dire di essere molto fortunata perché ho nuotato diverse volte con le tartarughe marine nel Mar Rosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, nuotare con le tartarughe è un'emozione ovunque lo si faccia!
      Ma ti auguro comunque di andare presto ad Okinawa per scoprirne la bellezza tropicale!

      Elimina
  8. Okinawa mi attira tantissimo, prima o poi me lo sento capiterà (come con tutti quei luoghi del Giappone che mi chiamano e che ancora non ho visto) :D e allora prenderò spunto dalle tue avventure e sicuramente non mi farò scappare una nuotatina con le tartarughe marine (chissà che emozione hai provato).
    Prima però forse vorrei dirigermi in Hokkaido ... è un'ardua scelta ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emozionantissimo davvero!!
      Eh sì l'Hokkaido ispira pure me....ma prima vorrei tornare a Zamami e visitare anche le Kerama..diciamo che il mare lo preferisco al freddo e alla neve ;P

      Elimina