Reggia di Caserta, tra giardini stupendi e appartamenti reali

Lo ammetto, ho un debole per le Residenze Reali.
Adoro ammirare quei soffitti altissimi, passeggiare tra quelle ampie stanze riccamente decorate con ghirigori, quadri e stoffe, sbirciare il panorama dalle ampie finestre, salire grandi scalinate e percorrere quei lunghissimi corridoi di stanze comunicanti.
E adoro gli splendidi ed immensi giardini che quasi sempre circondano queste regge, generalmente ricchi di fontane, statue ed abbellimenti vari.


Se il Palazzo con gli interni che più ho amato è certamente Tsarkoe Selo, il Palazzo di Caterina a Pushkin, in Russia, con la splendida Sala d'Ambra e la Sala da Ballo bianca e oro di Rastrelli, il Palazzo con il giardino che ho preferito è la Reggia di Caserta.
Sarà che l'ho visto in una splendida giornata di sole, con una leggera brezza che non faceva patire il caldo, sarà che avevo a disposizione l'intera giornata e me la son potuta girare con calma, sarà che ero particolarmente di buon umore, fatto sta che ne son rimasta davvero colpita dalla Reggia di Caserta e dai suoi splendidi giardini.
E' vero, forse son rimasta così positivamente colpita perchè mi era capitato di leggere articoli di qualche anno fa nei quali si descriveva una Reggia un po' abbandonata a se stessa e invasa dall'incuria, cosa che invece non ho trovato personalmente. Forse è merito anche del nuovo direttore, fatto sta che nonostante alcuni "lavori in corso o in progetto", ho trovato una Reggia ben tenuta.


Visitare la Reggia di Caserta

Il Palazzo

La Reggia di Caserta venne fatta erigere nel 1750 da Carlo di Borbone come nuovo centro di comando del regno di Napoli. Il re voleva una reggia tale da reggere il confronto con Versailles e affidò così il progetto a Luigi Vanvitelli.
Questo enorme Palazzo a pianta rettangolare con due corpi di fabbricato che danno origine a 4 cortili interni, ha un'area di 47.000 metri quadrati, ma solo una parte è visitabile, perchè buona parte del Palazzo risulta essere ancora di proprietà dell'Esercito.
E' possibile visitare gli Appartamenti in autonomia, salendo dal maestoso Scalone d'Onore, sovrastato da una cupola, dove sedeva un'orchestra nascosta che all'arrivo degli ospiti iniziava a suonare splendida musica che avvolgeva i visitatori.
Il mio consiglio però è quello di noleggiare un'audioguida o prendere parte ad una visita guidata, per conoscere aneddoti e ricevere spiegazioni dettagliate sulla vita di corte, l'utilizzo delle diverse stanze e interessanti informazioni sugli Appartamenti Reali.
Entrambe le soluzioni durano poco più di un'ora e vi permettono di apprezzare al meglio questo lussuoso Palazzo.
Se preferite invece visitarlo in autonomia, QUI potete scaricare una piccola guida con le informazioni principali.
Al momento della mia visita il lato orientale del Palazzo e tutto il lato che si affaccia sul Parco erano coperti da impalcature, per permettere il restauro e la pulizia delle facciate. E' importante che queste operazioni vengano effettuate, ma mi auguro che presto i lavori vengano terminati e si possa ammirare la Reggia in tutta la sua bellezza.






I Giardini

La visita al Parco invece richiede molto più tempo, specialmente se come me decidete di visitarlo a piedi e di girarlo tutto, compresa la parte del "Bosco Vecchio".
Il Parco, di circa 120 ettari,  ha una lunghezza di oltre 3 km e si sviluppa principalmente lungo l'asse centrale delle vasche e fontane, alimentate dall'Acquedotto Carolingio attraverso la Grande Cascata.
Una volta usciti dal Palazzo si aprirà davanti ai vostri occhi un'immagine splendida: un immenso verde diviso a metà da una striscia azzurra con al culmine uno sprazzo di bianco che scende da una collina!
La prima parte di giardino, il Parterre è una distesa verde pianeggiante, se andrete a destra entrerete nella Pineta, con area Pic-Nic (ad Agosto 2016 non era accessibile), mentre a sinistra vi inoltrerete nel bosco vecchio. Proseguendo dritto invece inizieranno le vasche d'acqua e le fontane.
Io ho scelto di addentrarmi nel Bosco Vecchio, per una passeggiata lontana dal flusso di turisti, in un'area un po' lasciata a se stessa, ma indubbiamente suggestiva, una zona infatti nata come "giardino segreto" per il riposo ed il divertimento del Sovrano.
In questa parte di Parco trovate anche la Castelluccia e la Peschiera Grande, due costruzioni realizzate per il divertimento del giovane re Ferdinando IV ed utilizzate anche per simulare strategie di battaglie terrestri (Castelluccia) e navali (Peschiera).
La Castelluccia è una torre a pianta ottagonale, circondata da un piccolo fossato, e dietro si nasconde un grazioso giardino. Purtroppo attualmente non è visitabile internamente, ma vi potrete comunque avvicinare.
La Peschiera Grande invece è un laghetto sul quale si affacciano 10 balconcini ed al centro del quale sorge un'isolotto dalla fitta vegetazione.
Voci raccontano che a questi balconcini prendessero posto 10 ragazze, una per ogni balcone, ed il re, dalla sua barchetta sull'acqua scegliesse una ragazza da portare con sé nella privacy dell'isoletta.....questo re birichino eh!




Tornando poi sull'asse principale del Giardino, alla Fontana Margherita, inizia poi il lungo sistema di vasche e fontane che vi accompagnerà fino alla fontana di Diana e Atteone e la Grande Cascata.
Una lunga camminata, un susseguirsi di splendide fontane, vasche di differenti dimensioni e profondità, meravigliose non solo per l'incredibile atmosfera che regalano, ma anche per l'impressionante capacità del Vanvitielli di manipolare la prospettiva creando illusioni ottiche che fanno sembrare il viale più breve rispetto alla sua lunghezza effettiva.
Una volta arrivati all'ultima fontana ed alla Cascata la vista verso il Palazzo sarà un vero e proprio spettacolo (peccato solo per le impalcature che lo ricorpono..ma una volta finiti i lavori son certa sarà uno splendore!).
Da lì potete entrare nello splendido Giardino Inglese, creato su richiesta della Regina Maria Carolina d'Austria, moglie di Ferdinando IV, una sorta di orto botanico con piante importate da tutto il mondo.
Tutto ciò che si trova in questo giardino è stato costruito dall'uomo e disposto in modo da ricreare determinate ambientazioni, come tempietti abbandonati ed il criptoportico che ricorda l'Anitca Roma.
Uno degli angoli più suggestivi è sicuramente il Bagno di Venere, con la statua della dea mentre esce dall'acqua del piccolo stagno. Un luogo dal fascino estremo, all'ombra di lecci ed allori, con la luce che filtra illuminando lo stagno verde acquamarina e accompagnato dal suono della cascatella.....





  

Informazioni utili

Tips per la visita

 • Il modo migliore per visitare i Giardini è a piedi, ma è anche possibile prendere una piccola navetta che vi porterà direttamente nel punto più lontano del Parco, all'ingresso del Giardino Inglese al costo di € 2,50 a/r.
E' possibile anche noleggiare biciclette al costo di € 4,00 all'ora o biciclette elettriche per € 6,00 all'ora.
Se ci si vuol sentire dei nobili reali, c'è anche la possibilità di fare un giro in calesse, della durata di almeno 30 da € 5,00 a persona.
 • I punti ristoro sono solamente due: uno all'interno del Palazzo, poco prima di uscire nel Parco, e uno in fondo al Parco, vicino all'ingresso del Giardino Inglese.
 • Ai lati della Via d'Acqua, sotto gli alberi, si trovano cestini della spazzatura e panchine per riposarsi (e mangiarsi qualche snack che vi siete portati nello zaino).

Orari e Prezzi

L'apertura è alle 08.30 mentre gli orari di chiusura variano a seconda del periodo, consultate il sito della Reggia di Caserta per verificare gli orari di ogni mese.
Nel mese di Agosto il Giardino chiude alle 18.00 mentre gli Appartamenti alle 19.00.
Giorno di Chiusura: Martedì.
L'ingresso all'intero complesso costa € 12,00 (ridotto € 6,00).
Vi consiglio di acquistare la Campania Artecard grazie alla quale avrete accesso gratuito (se rientra tra le prime 3 o 5 attrazioni visitate a seconda della tipologia di card acquistata) o ridotto.
E' possibile noleggiare l'audioguida per la visita agli appartamenti al costo di € 5,00 oppure è possibile prendere parte ad una visita guidata al costo di € 6,00.

Come Arrivare

La Reggia di Caserta si trova praticamente di fronte alla Stazione ferroviaria di Caserta, quindi facilmente raggiungibile a piedi.
Se come me arrivate in treno da Napoli, ci sono frequenti treni dalla Stazione Centrale e dalla Stazione Garibaldi. Il biglietto costa € 3,10 a tratta.




18 commenti

  1. Ma è meravigliosa! Me lo disse un amico tempo fa ma non immaginavo per esempio, la bellezza degli esterni *-*

    RispondiElimina
  2. La reggia di Caserta è favolosa! Ci sono stata nel 2007 e ancora la ricordo come se fosse ieri <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, e pensa dicono che una volta non era così ben tenuta..quindi immagina ora...credo sia ancora più meravigliosa!

      Elimina
  3. Sarò ripetitiva se dico che è assolutamente stupenda? Non mi vengono altri termini e la parte migliore sono i giardini. Ho vaghi ricordi della gita del terzo superiore, sarà il caso di rinfrescarli. Ultimamente sto girando parecchio in Campania, ci sono dei periodi in cui mi prendono delle "fissazioni" per determinati posti e vorrei andare sempre lì. Quindi sarebbe il momento giusto! Belle le foto, soprattutto quelle del parco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina, hai ragione è incredibilmente stupenda! Beh sì direi proprio che una nuova visitina ci starebbe proprio bene :)

      Elimina
  4. Sono anni che desidero visitare la Reggia, perché come te amo le dimore storiche, ed i miei viaggi mi portano spesso all'interno di questi paradisi architettonici. Una delle ultime è stata la Reggia di Coloro.
    Non ho ancora avuto modo di scendere fino a Caserta e attendevo con curiosità il tuo articolo, soprattutto per avere un'idea precisa del percorso di visita, foto e consigli. Anche per le tempistiche, argomento che hai affrontato perfettamente, per cui non aggiungo domande.
    Ho un paio di piccole cose da chiederti: io amo molto le visite guidate ..ma non disdegno nemmeno un'audioguida fatta per bene, spassionatamente cosa mi suggeriresti? Altra cosa, dimmi se ho capito bene: al di fuori della card, il prezzo base è quello d'ingresso alla Reggia, cui va aggiunto quello dell'audioguida o della visita guidata? L'accesso ai giardini in pratica è incluso?
    grazie in anticipo!!!
    Claudia B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, anche io avevo il tuo stesso dubbio su audioguida/visita guidata. Essendoci un solo euro di differenza, io consiglio la visita guidata, perchè hai la possibilità di fare domande e sentire le risposte anche alla curiosità degli altri. La Guida parla in un microfono e tu la ascolti con le cuffiette, quindi anche se resti leggermente indietro riesci a seguire tutta la spiegazione.
      Il prezzo indicato sì, è riferito alla visita autonoma a Palazzo e Giardini, eventuale guida/audioguida sono a parte.
      La prima domenica del mese, il biglietto è ridotto perchè in pratica si pagano solo i giardini, mentre il Palazzo è gratuito.

      Elimina
  5. Grazie mille Michela, tengo in gran conto questa precisazione, adoro la visita guidata, spesso si trovano persone capaci di raccontarti la storia in 3d!
    Claudia B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io con la guida che ho avuto mi son trovata bene, è stata molto disponibile a rispondere alle varie domande :)

      Elimina
  6. Le regge sono bellissime e la reggia di Caserta purtroppo mi manca. Questo post sará molto utile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riesci organizza perchè merita davvero, i giardini sono MERAVIGLIOSI!

      Elimina
  7. wow!! questo post me lo segno tra i preferiti... conto di andare a Napoli la prossima primavera! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco allora non puoi perdere l'occasione di visitarla!

      Elimina
  8. Sono un'appassionata di castelli e regge, quest'anno sono rimasta incantata da Schönbrunn, in precedenza da Versailles...Eppure non ho ancora visto la bellissima e più vicina Reggia di Caserta! Il tuo articolo ha aumentato la mia voglia di rimediare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora se ami il genere devi proprio metterla in programma :)

      Elimina
  9. Sono stata diverse volte a Caserta a trovare dei parenti ma se non sbaglio (ero piccolina) non mi hanno mai portato a vedere questa splendida reggia!!

    RispondiElimina